come muoversi in sardegna

Come muoversi in Sardegna: 6 modi per spostarsi nell’isola

Stai partendo per la Sardegna e vuoi sapere come spostarti attraverso l’isola? Tranquillo, come muoversi in Sardegna te lo suggeriamo noi.

Per arrivare sull’isola sarda non c’è alternativa: o prendi l’aereo o ti imbarchi su un traghetto. Ma come muoversi in Sardegna, una volta arrivati? Nonostante le tradizioni culturali, linguistiche e culinarie ancora molto radicate e condivise, la Sardegna è ormai una regione moderna, dotata di ogni tipo di servizio e mezzo di trasporto.

Se hai scelto una vacanza itinerante, viaggiare in macchina, camper o moto sarà il modo più ovvio per affrontare i chilometri che ti separano da una località all’altra.

Al contrario, se gli spostamenti previsti sono pochi, allora potrai affidarti con fiducia a treni e bus, che raggiungono anche i piccoli centri, quelli più sperduti fra monti e vallate.

E se la tua vacanza ti porterà sulle splendide isole che sorgono a pochi chilometri dalla costa sarda, sappi che fra tutti i modi di muoversi in Sardegna ci sono anche traghetti e imbarcazioni di varie dimensioni, che si faranno carico di sbarcarti anche su quella splendida isoletta disabitata.

Insomma, se ciò che ti stai chiedendo è come muoversi in Sardegna, la risposta è semplice: come preferisci.

Auto e moto

Come muoversi in Sardegna con auto e moto? Lungo le sue strade panoramiche! L’isola non dispone di autostrade, ma fidati, non le rimpiangerai. Una volta sbarcato sull’isola con il tuo mezzo, scoprirai che guidare lungo le strade della Sardegna è un’emozione indimenticabile.

come muoversi in Sardegna
Le strade della Sardegna, emozioni indimenticabili

Se sbarchi a Cagliari e devi raggiungere il nord, niente paura: potrai percorrere la SS131, che arriva fino a Sassari e Porto Torres, passando per Oristano. Se invece hai optato per un tour coast to coast, potrai condurre il tuo mezzo sulla SS195, da Cagliari ad Iglesias, poi imboccare la SS126, che ti farà visitare tutta la costa occidentale fino all’estremo settentrione. Per ridiscendere fino al sud, ci sarà la SS125, che percorrendo tutta la costa orientale, ti riporterà al punto di partenza.

In estate, le strade della Sardegna possono essere molto trafficate, ma se sceglierai con cura il tuo itinerario, magari attraversando l’entroterra dell’isola, potrai guidare in favolosa solitudine, accompagnato solo dal fruscio del vento e dal volo degli uccelli, che volteggeranno proprio sopra di te.

Camper

Se ami la libertà e ti stai chiedendo come muoversi in Sardegna, la risposta è una sola: con il camper! Nessun altro mezzo ti assicura la stessa indipendenza: potrai fermarti a dormire dove vuoi, anche di fronte a quella caletta da sogno, per essere il primo a raggiungere la spiaggia il mattino seguente. La sosta libera regala sempre grandi emozioni!

Simpaticii incontri, girovagando per l’isola

Inoltre, la Sardegna è provvista di campeggi dotati di tutti i comfort, pertanto potrai coniugare la libertà di movimento al godimento di tutti i servizi, che solo un camping organizzato può assicurarti.

Ricorda solo che anche in Sardegna, come in tutte le regioni italiane, non sempre è possibile fermarsi con un camper, quindi prima di farlo valuta attentamente la situazione e informati. Se non hai voglia di spendere altri soldi per un campeggio e non ti fidi della sosta libera, potrai scegliere una delle tante aree di sosta dell’isola, nelle quali rifornirti di acqua dolce e scaricare i rifiuti.

Autobus

Per girare in città e visitare i luoghi di maggior interesse turistico, usa gli autobus urbani. Tutti i grandi centri ne sono provvisti e non dovrai far altro che verificare le fermate, per capire quale linea prendere.

Per muoverti fra una destinazione e l’altra, affidati agli autobus dell’Azienda Regionale Sarda Trasporti, che assicura i collegamenti fra tutti i maggiori centri turistici e ti permette di raggiungere anche i borghi più isolati.

Treno

Muoversi in Sardegna utilizzando il treno è consigliabile solo per percorrere pochi chilometri: i treni sono pochi, lenti e non tutte le località sono raggiunte dalla ferrovia.

I collegamenti ferroviari sull’isola sono assicurati da due diverse compagnie: quindi, prima di avventurarti, verifica sempre chi gestisce quella tratta, consultando il sito di Trenitalia e quello dell’ARST.

Traghetti e barche

Se hai scelto la Sardegna per il suo mare, di sicuro non vorrai perderti le meravigliose isole e isolette che affollano le acque circostanti. E infatti non devi. Dalla Maddalena, raggiungibile da Palau, troverai numerosi traghetti per Budelli, Spargi e Santa Maria, mentre per tutte le altre isole, Tavolara, l’Asinara, Figarolo e San Pietro, non dovrai far altro che raggiungere la costa e informarti nel centro turistico più vicino: quando non vi sono traghetti, non farai fatica a trovare qualche compagnia di navigazione privata, che organizza escursioni e spostamenti da e per le isole.

Trenino Verde

Vuoi vedere la Sardegna da un punto d vista alternativo e suggestivo?

Prendi il Trenino Verde! Gestiti da Ferrovie di Sardegna, questi trenini attraversano le aree meno accessibili e più isolate dell’isola, permettendoti di ammirare panorami incontaminati, comodamente affacciato al finestrino del tuo vagone.

Le tratte sono cinque:

  • Mandas-Laconi – correndo attraverso i paesaggi del Sarcidano e la natura selvaggia della Barbagia, questo percorso regala scorci indimenticabili.
  • Mandas-Seui – tra le montagne impervie del Gennargentu, le rive del Flumendosa e le inaccessibili aree della Barbagia, un incantevole viaggio di 3 ore lontano dalla folla.
  • Palau-Tempio – passando per Arzachena e Luras, questo trenino ti porterà dalla Gallura alla montagna in circa 3 ore e mezza.
  • Macomer-Bosa – con questo treno arriverai a Bosa, il borgo più suggestivo di tutta la Sardegna, dopo aver attraversato 46 km di natura incontaminata.
  • Arbatax- Gairo – tra bellezze naturalistiche e villaggi fantasmi, alla scoperta della Sardegna meno conosciuta.
come muoversi in Sardegna
Il trenino in Sardegna, un’esperienza da non perdere

Insomma, da questa breve panoramica, avrai capito che come muoversi in Sardegna dipende solo da te. Devi solo decidere come farlo. E poi, partire alla scoperta di questa splendida isola, sospesa fra passato e modernità.

Share this post!

Torna su