Sardegna in camper con i bambini

Sardegna in camper con bambini: i nostri 11 migliori consigli di viaggio

Mai pensato di partire per la Sardegna in camper con i bambini? Leggi i nostri migliori consigli e regala ai tuoi piccoli una vacanza indimenticabile!

È arrivato il momento di programmare le vacanze, ma non siete più soltanto voi due. Adesso avete anche i figli al seguito e i dubbi e le domande si moltiplicano. Dove andare, che tipo di vacanza scegliere e come organizzarla, sono solo alcuni dei quesiti che tanto ti preoccupano.

E se organizzassimo un viaggio in Sardegna in camper con i bambini? Questo tipo di vacanza richiede molta flessibilità, è vero, ma te ne offre altrettanta: potrai decidere luoghi, orari e permanenza in tutta autonomia. Inoltre, offrirai ai tuoi piccoli un’occasione unica per trascorrere tanto tempo all’aria aperta e scoprire un nuovo modo di vivere.

Certo, la vacanza in camper in Sardegna con i bambini presuppone una certa organizzazione, ma seguendo i nostri 11 migliori consigli di viaggio sarai in grado di far vivere alla tua famiglia la più entusiasmante fra le avventure!

Scegli il camper giusto

La prima cosa da fare è trovare il camper più adatto al tuo nucleo familiare. Non c’è alcun bisogno che sia enorme, anzi, l’importante è che sia dotato di tutti i comfort e dei posti viaggio e letto necessari. Molti dei camper moderni dispongono di due grandi letti matrimoniali, sufficienti per la maggior parte delle famiglie moderne. Tuttavia, è ben più difficile trovare camper omologati per trasportare fino a sei persone, unica possibilità in caso di famiglie numerose! Il nostro consiglio: scegli un camper con il letto matrimoniale superiore, i tuoi figli adoreranno giocare in questo nascondiglio segreto!

Sardegna in camper con i bambini
Il letto superiore: la sala giochi preferita dei tuoi bambini

Se hai scelto la Sardegna come meta per le tue vacanze, ti conviene affittare il camper direttamente sull’isola! Con Yep Campers puoi noleggiare Emma e Giuseppe, gli originali ed inimitabili camper Westfalia, con 4 posti letto e, cosa molto rara, ben 6 posti viaggio! Non dovrai portarti dietro né l’occorrente per cucinare, né i seggiolini per i bambini, dal momento che è già tutto in dotazione. Viaggiare comodi e leggeri è un ottimo inizio!

Abitua il bambino al camper

Prima di partire per una lunga vacanza è consigliabile trascorrere almeno un weekend su un camper. Camper e bambini sono un connubio vincente, ma è sempre meglio abituare i tuoi piccoli agli spazi ristretti e alle regole a cui attenersi in questo tipo di viaggio.

Pianifica le tappe

Il valore aggiunto delle vacanze in camper è l’assoluta libertà di poter decidere dove e quando andare. Già, ma ricordati che adesso ci sono anche i tuoi piccoli, che hanno bisogno di mantenere inalterati ritmi e routine.
Quando possibile, soprattutto se la tratta da percorrere è molto lunga, viaggia di sera: i bambini potranno riposare e non ti assilleranno tutto il tempo con i loro “quando arriviamo?”. Quando viaggerai di giorno, considera che ti dovrai fermare almeno ogni 3-4 ore per permettere loro di andare in bagno e sgranchirsi un po’ le gambe. Quando viaggerai lungo la costa della Sardegna, programma una bella sosta presso una delle tante spiagge. Un bel bagno rinfrescante e via verso nuove mete!

Inoltre, cerca di evitare di spostarti ogni giorno: i tuoi figli non amano essere sballottati da una parte all’altra! Quando vi accamperete, i bambini si faranno degli amici con cui giocare: asseconda le loro esigenze e prevedi di fermarti in un posto per almeno 3-4 giorni.

Scegli le aree di sosta o i campeggi prima di partire

Il camper incoraggia l’avventura, ma con i bambini al seguito è meglio puntare sul sicuro. Prima di metterti alla guida, stabilisci le tappe ed individua i luoghi dove poter sostare per la notte, scegliendo fra le tante soluzioni disponibili. Se preferisci un soggiorno più confortevole, in un luogo ricco di servizi e negozi, cerca un campeggio. Le coste sarde sono piene di camping e potrai parcheggiare il tuo camper nella piazzola assegnata e godere di tutti i comfort tipici di una struttura di questo tipo: supermarket, ristorante e bar per voi, piscina, giochi e animazione per i vostri figli. Un’alternativa più economica consiste nel fermarti nelle aree attrezzate, dove potrai effettuare il carico/scarico di acque chiare e scure e usufruire di elettricità.

Pianifica il tuo viaggio con le applicazioni mobili giuste

Il nostro consiglio: scarica l’applicazione CaraMaps, disponibile per Android e Ios e crea il tuo itinerario personalizzato filtrando tra i diversi tipi di soste preferite! Oppure, se desideri l’avventura, usa Park4night, anch’essa disponibile per Android e Ios, e trova il luogo più vicino a voi per trascorrere una notte in sosta libera, magari di fronte a una spiaggia da raggiungere appena svegli.

Sardegna in camper con bambini
Nella natura incontaminata della Sardegna in camper con i bambini

Stabilisci norme per la sicurezza e regole di convivenza

Le relazioni fra i campeggiatori sono caratterizzate da collaborazione e socievolezza, pertanto i tuoi figli saranno presto “adottati” dai tuoi vicini. Tuttavia, la vita all’aperto stimola l’autonomia dei piccoli ed è molto facile che se ne vadano in giro, mentre voi siete affaccendati in altro. Meglio, quindi, impartire qualche piccola regola di sicurezza:
non si esce dal campeggio;
mai oltrepassare la sbarra dell’area di sosta;
ai dirupi non ci si avvicina;
le statali non si attraversano senza mamma e papà.
Ai più piccoli si può applicare un piccolo braccialetto con i vostri numeri di cellulare: nel caso in cui si perdano fra i camper, qualcuno sarà in grado di rintracciarvi. Per quanto riguarda la convivenza in spazi così ristretti, possono valere le stesse regole in vigore a casa, con qualche rigidità in più.

L’ordine è un imperativo, la pulizia indispensabile e l’attenzione alle dotazioni del camper è fondamentale per far sì che tutto fili liscio.

Verifica lo stato del traffico

Prima di imbarcarti per una tappa, soprattutto se molto lunga, assicurati che non vi siano code, né incidenti che possano trasformare un breve spostamento in un incubo a occhi aperti. Le code sono il tuo principale nemico: ricordati che il solo motivo per cui i tuoi figli sopportano le tante ore di viaggio è che, fortunatamente, la loro indole curiosa viene appagata dalla contemplazione del paesaggio. Tenerli fermi per ore in coda, magari su una provinciale senza aree di sosta nelle vicinanze, significa dover far ricorso a tutta la tua pazienza e tolleranza. Le strade della Sardegna non offrono indicazioni intuitive, quindi aiutati con una delle app disponibili in rete per il controllo della viabilità e preparati a imboccare un percorso alternativo in caso di traffico intenso.

Rispetta il codice della strada

I bambini in camper senza cinture non possono viaggiare. Ciò significa che durante gli spostamenti devi assicurarli ai seggiolini, esattamente come fai quando viaggi in macchina.

Fai scorta di acqua e medicinali

Cosa portare in camper con i bambini? L’essenziale non deve mai mancare ma puoi e devi limitarti su giochi e vestiario. Alcune aree di sosta potrebbero essere abbastanza lontane dai centri abitati, quindi, ricordati di avere sempre acqua potabile in abbondanza.

Sardegna in camper con i bambini
Colazione all’aria aperta e via al mare

Abbi cura di avere sempre a disposizione qualche snack, ti sarà utilissimo nel caso in cui non fosse possibile preparare una cena decente. E non dimenticare i farmaci di base. Come ben sai, i bambini hanno la sovrannaturale capacità di farsi venire la febbre soprattutto di domenica e in piena notte! Un kit di pronto soccorso, infine, è una di quelle cose di cui devi dotarti, sperando di non utilizzarla mai.

Assegna spazi e responsabilità ai bambini

Fai in modo che i bambini vivano il camper come una seconda casa, concedendo gli spazi che siano solo loro, nei quali ammucchiare peluche, libri e giocattoli. Coinvolgili nei piccoli lavoretti e, se sono abbastanza grandi, affidagli qualche semplice responsabilità. Si sentiranno importanti e parte integrante della famiglia itinerante.

Trascorri con loro tempo di qualità

Le vacanze, alla fine, servono proprio a questo: a passare del tempo con la tua famiglia e a dedicargli cura e attenzione. Le tratte più lunghe possono diventare noiose per i bambini: preparati a cantare con loro e a inventare qualche giochino da fare con le targhe delle macchine e con i colori del paesaggio, usando tutta la vostra fantasia.

Qualche volta potrà piovere e sarete costretti a rimanere all’interno del camper: porta quaderni, colori, plastilina e libri che vi aiuteranno a trascorrere il tempo tutti insieme e a non rimpiangere il sole che, prima o poi, tornerà.

Ma c’è un ultimo consiglio, il più importante: trasforma il vostro viaggio in un’indimenticabile avventura. Se non lo ha già, assegna un nome al camper! Inventa una missione da compiere, fermati in qualche luogo selvaggio e accendi il barbecue, invita i piccoli a fare un bagno in piena notte, sdraiati con loro a osservare le stelle, non perderti nemmeno un attimo. E la vacanza in Sardegna in camper con i bambini diventerà il tuo ricordo più prezioso.

Share this post!